Tutti i post con il tag: Seggiolino auto

Sicurezza dei bambini in macchina, la tecnologia ci aiuta

bambini a bordo con seggiolini

A volte le grandi idee nascono da grandi tragedie. E’ iniziata così l’avventura di Remmy, il sensore per garantire la sicurezza dei bambini in macchina. Con lo sfogo di Carlo, uno dei suoi inventori, dopo l’ennesimo fatto di cronaca: queste le parole che si leggono sul sito  di presentazione del prodotto: “come ci si può dimenticare un figlio in auto… con tutte le tecnologie che ci sono!”. Detto fatto: l’idea prende forma. Un’idea semplice, ma dal fine grande: creare un car baby alert in grado di segnalare la presenza e il movimento dei bambini sui seggiolini.

 

Come funziona

Remmy e semplice e di facile utilizzo. È composto da un rilevatore di peso e da un sensore acustico, che vengono alimentati attraverso il collegamento con l’accendisigaro in dotazione su tutte le vetture. Il sensore di peso, alloggiato sotto la prima fodera del seggiolino, comunica all’impianto centrale quando il bambino è in auto.

Funzione reminder

Non appena si spegne il motore della macchina, un segnale sonoro richiama immediatamente l’attenzione dell’autista, ricordando la presenza del piccolo nella vettura, evitando così distrazioni dovute a circostanze esterne e fatali dimenticanze.

Perché proprio di questo si tratta: di un “black out” temporaneo della nostra mente, un vuoto di memoria che può capitare a chiunque, soprattutto in un momento di forte stress o stanchezza. Tecnicamente si chiama amnesia dissociativa e si definisce come l’incapacità di ricordare importanti informazioni personali. L’amnesia si risolve con il recupero dei ricordi, che può avvenire anche in maniera traumatica. Il segnale sonoro serve proprio a evitare questi black out, a ricordarvi che in auto non siete soli.

Funzione alert

Remmy è inoltre dotato della funzione alert  che avvisa il conducente se il bambino si sposta dal seggiolino e si rivela quindi utilissima per controllare che  i piccoli ospiti dell’auto non si slaccino le cinture di sicurezza. Evento questo tutt’altro che raro: da un intervista condotta dalla Yale School of Medicine su un campione di 378 genitori è emerso, infatti, che più del 50% dei bambini riesce a slacciare la cintura di sicurezza mentre i genitori sono alla guida, di questi il 75% ha un’età compresa tra i 12 mesi e i 3 anni.

Senza fare allarmismo concludiamo con qualche consiglio pratico per tenere la nostra mente sempre all’erta:

  • Appoggiate gli oggetti personali del vostro bambino, come il biberon o il pupazzetto, sul sedile anteriore della vostra macchina;
  • Segnate nel promemoria del vostro device o agenda ogni spostamento con il vostro bambino, il richiamo sonoro dell’agenda vi permetterà di essere sempre all’erta;
  • Alloggiate nei sedili posteriori i vostri oggetti personali, borse e valigette d’ufficio, in modo da obbligarvi a guardare dietro la vostra postazione.

Remmy un’idea semplice, dal fine grande!

Check-up dell’auto prima di partire: le 7 cose da non dimenticare

Check-up dell’auto prima di partire_le 7 cose da non dimenticareLe valigie sono nel bagagliaio, il cane è ospite dai nonni, avete chiuso il gas a casa e avete anche preso i giochi per distrarre i bimbi durante il viaggio. Questa scena sarà realtà per molti di voi fra qualche settimana, quindi vogliamo consigliarvi 7 cose da non dimenticare per assicurarvi di viaggiare in totale sicurezza. Ecco tutti i passaggi più importanti del check-up dell’auto prima di partire: li avete fatti tutti?

Freni tutto ok?

Pastiglie, dischi, impianti ABS ed ESP, liquidi e freno di stazionamento non possono non rientrare nel vostro controllo: inutile sottolineare quanto sia importante la tenuta dei freni per poter affrontare un viaggio in tutta sicurezza.

Pneumatici: pressione e battistrada

Tenuta, stabilità su strada e aderenza all’asfalto sono fattori fondamentali nella strada che vi porta ad organizzare un viaggio sicuro con la vostra auto. In una parola controllate gli pneumatici, pressione e usura in primis.

Rabboccate i liquidi

Il vostro check-up dell’auto prima di partire non sarà completo senza l’esame dei liquidi della vostra vettura. Olio motore, liquido di raffreddamento, dei freni, della frizione, dello sterzo, della batteria e del lavavetri: verificate che tutto sia al giusto livello.

Airbag, occhio ai bimbi

Non dimenticate poi di controllare l’airbag. Per la vostra sicurezza e quella dei vostri passeggeri è molto importante esser certi che funzionino correttamente. Prestate attenzione in particolare a disattivare quelli in prossimità dei seggiolini per i bambini (ecco anche un rapido promemoria su come montare i seggiolini per evitare le multe), per non creare potenziali rischi.

Nuove spazzole per il tergicristallo

I vetri della vostra auto devono essere puliti per consentirvi di vedere al meglio la strada. Se rimandate da tempo la sostituzione delle spazzole tergicristallo è venuto il momento di agire: controllate anche l’impianto di anti-appannamento e il circuito lavavetri.

Non dimenticate gli accessori del cellulare

Portate con voi il vostro smartphone e anche un caricabatterie portatile: in qualsiasi momento potreste aver bisogno di chiamare il soccorso e non dovete farvi trovare impreparati. A proposito, tenete i numeri di emergenza sempre a portata di mano.

Seggiolino auto: come sceglierlo per evitare le multe

Seggiolino auto come sceglierlo come evitare multeChiunque abbia dei bambini deve affrontare il problema connesso al loro trasporto in auto. La sicurezza dei più piccini è tutelata sia da normative nazionali che europee: analizziamole insieme cercando di capire come si scelga il seggiolino auto più adatto.

Cosa dovete sapere prima di acquistare il seggiolino

Prima di scegliere il seggiolino auto per il vostro bambino dovete appuntarvi due dati fondamentali, ovvero l’altezza e il peso del piccolo. Sono questi infatti i parametri sui quali si basa la differenza tra i modelli, e sul cui rispetto si misura anche l’effettiva sicurezza del dispositivo, così come previsto dalla legge.

Cosa dice la normativa?

Il trasporto dei bambini sui veicoli è regolato dall’art. 172 del Codice della Strada e prevede l’obbligo per i bambini di statura inferiore ai 1,50 m a viaggiare, opportunamente agganciati, su un sistema di ritenuta omologato secondo le normative stabilite dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, conformemente ai regolamenti della Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite o alle equivalenti direttive comunitarie.

La normativa europea parla anche del peso, sottolineando come i bambini di peso inferiore a 36 kg debbano essere assicurati con gli appositi dispositivi. Sempre la normativa europea distingue diversi tipi di congegni a seconda del peso dei bambini: gruppo 0 navicella (da 0 a 10 kg, 0-9 mesi), gruppo 0 ovetto (da 0 a 13 kg, 0-15 mesi), gruppo 1 (da 9 a 18 kg, 9 mesi-5 anni), gruppo 2 (da 15 a 25 Kg, 4-6 anni) e gruppo 3 (da 22 a 36 kg, 6-12 anni).

A quanto ammontano le multe?

La violazione di queste norme di sicurezza può farvi incorrere in multe comprese fra 70 e 285 euro, oltre che nella perdita di 5 punti dalla patente. La legge impone ai genitori la responsabilità per il controllo della sicurezza dei bimbi a bordo: la multa viene infatti comminata comunque a loro, anche se sono semplici passeggeri del veicolo e non si trovano alla guida.

Come montare il seggiolino e dove collocarlo

Il seggiolino si fissa servendosi delle cinture di sicurezza dell’auto. Ogni dispositivo prevede però delle apposite istruzioni d’uso: vi consigliamo di seguirle con attenzione. A seconda del modello, e delle dimensioni raggiunte dal bambino, sarà obbligatorio montarlo sul sedile anteriore o su quello posteriore della vettura.

I bimbi più piccoli, che avranno dunque bisogno dei modelli del gruppo 0 e 0 ovetto, “siederanno” sul sedile anteriore. Quando crescono fino a superare i 9 kg di peso e fino a superare in altezza il poggiatesta del sedile, sarà arrivato il momento di trasferirli dietro, al centro del sedile, in modo da ripararli da urti diretti subiti dalle fiancate del veicolo. In entrambi i casi, va disinserito l’airbag, perché in caso di fuoriuscita potrebbe colpire in modo troppo violento i bambini.