Tutti i post con il tag: Garanzie accessorie

La copertura cristalli

CristalliQuanti di voi conoscono la copertura cristalli? Cosa copre e quali vantaggi ha? Vi proponiamo un veloce test per mettere alla prova le vostre conoscenze.

La copertura cristalli è obbligatoria?

No. Si tratta di una garanzia accessoria che può essere inserita nella polizza assicurativa. La garanzia copre le spese sostenute dall’assicurato per riparare o sostituire i cristalli del veicolo, a seguito di rotture accidentali o causate da terzi durante la circolazione. La statistica riporta che il 5% degli autoveicoli (circa 1,8 milioni di vetture) subisce danni di questo tipo.

L’unica copertura assicurativa obbligatoria per la polizza auto è la RC.

Il parabrezza è un cristallo?

Sì. Con il termine cristalli, la maggior parte delle compagnie assicurative considera il parabrezza anteriore, il lunotto posteriore, i vetri degli sportelli e delle fiancate laterali e il tetto panoramico.

I fari sono considerati cristalli?

No. In genere le compagnie assicurative escludono dalla copertura cristalli i danni ai gruppi ottici e agli specchietti retrovisori, sia interni, sia esterni. Le esclusioni vengono riportate sul Fascicolo Informativo della vostra polizza.

Se denuncio un sinistro cristalli mi scatta la classe?

No, ovviamente. Lo scatto della bonus malus è previsto solo in caso di sinistri RC.

La copertura cristalli può essere acquistata anche senza acquistare la furto incendio?

Sì. La copertura cristalli non è collegata con la copertura furto incendio. Direct Line, per esempio, offre la possibilità di acquistare la copertura cristalli indipendentemente dall’acquisto della copertura furto incendio o della copertura kasko. Verificate con la vostra compagnia assicurativa questa opportunità.

In caso di rottura del cristallo è necessario farlo riparare presso un centro convenzionato?

No. La riparazione e sostituzione dei cristalli può essere effettuata presso qualunque officina abilitata a tale servizio, non necessariamente convenzionata con la vostra assicurazione. Il vantaggio di usufruire dei centri convenzionati è relativo agli standard qualitativi del servizio offerto e, in genere, si traduce in risparmio economico perché la maggior parte delle assicurazioni prevede una diminuzione della franchigia.

Se avete risposto correttamente a tutte le domande siete stati in gamba; diversamente ci auguriamo abbiate imparato qualcosa di interessante sulla vostra assicurazione!

Atti vandalici, una polizza contro le brutte sorprese

atti_vandalici

La copertura contro gli atti vandalici garantisce un rimborso nel caso di danneggiamenti al veicolo dovuti ad atti di teppismo, il classico specchietto rotto o la portiera rigata, fino alla completa distruzione dell’auto.

Solitamente è prevista una franchigia, ovvero una cifra che rimane a carico dell’assicurato, che in caso di danno copre le spese di riparazione in corrispondenza di quel preciso ammontare.
Il resto della spesa viene poi coperto dall’assicurazione. La quantificazione del rimborso a fronte di atti vandalici viene ovviamente formulata da un perito che, su mandato della Compagnia assicurativa, si assume l’incarico di valutare entità e dinamica del danno.

Si tratta di una copertura assicurativa che sta prendendo sempre più piede negli ultimi anni e il nostro Centro studi e Documentazione Direct Line ha dato una visione particolare di questo fenomeno.

In una simpatica indagine condotta lo scorso anno, prendendo spunto dai tanti casi di personaggi famosi pizzicati a rovinare l’automobile del rivale o del partner a seguito di qualche litigio, abbiamo chiesto agli italiani se avessero mai compiuto atti vandalici sull’auto di qualcuno e, con un po’ di sorpresa, abbiamo osservato che ben un italiano su 7 ha ammesso di averlo fatto.

I bersagli principali erano risultati essere l’auto dell’ex partner, seguita da quella del capo.
In ogni caso, l’unico suggerimento che posso darvi è di proteggervi con una polizza ad hoc e informarvi su cosa è necessario fare per ottenere il risarcimento.

Garanzia incendio e furto: che cosa copre?

Le due garanzie incendio egaranzia_incedio_e_furto furto, per auto o moto, possono essere acquistate separatamente o in modo congiunto vanno a coprire:

  • eventi relativi all’incendio dell’auto, quindi incendi, cortocircuiti interni ed esplosioni;
  • furto parziale e totale dell’auto, dove con parziale si intende il furto di singole parti dell’automobile;
  • eventuali danni arrecati al veicolo a seguito di un tentativo di furto.

Per intenderci, se provano a rubarmi l’auto ma non portano a compimento il furto, e la serratura della mia portiera viene rotta per entrare in auto, la copertura furto mi consente di essere rimborsato.

Solitamente, come per altre coperture, è prevista una franchigia, cioè una spesa a carico dell’assicurato, che in caso di danno copre le riparazioni fino a quella cifra. Il resto della spesa viene poi coperto dall’assicurazione.

 

Altro discorso invece vale per quanto riguarda ciò che è all’interno dell’auto al momento del furto, che non è coperto dalla garanzia e quindi non rimborsato.  Il premio da pagare per la garanzia furto e incendio si basa anche sul valore dell’auto assicurata, quindi di anno in anno il valore dell’automobile necessariamente decresce, così come l’eventuale rimborso in caso di furto.

Ricordatevi quindi di fare controlli periodici del vostro veicolo per evitare pericolosi malfunzionamenti elettrici o che possano causare incendio, e non lasciate in auto oggetti di valore che non sarebbero rimborsati.

Pagina 1 di 212