Tutti i post con il tag: Auto

Il bagagliaio perfetto

Il bagagliaio perfettoLe sospirate ferie sono ormai alle porte, solo un ultimo ostacolo vi distrae dall’obiettivo: come comporre il bagagliaio perfetto?

Ecco qualche utile suggerimento per stipare le valigie nella vostra auto.

Eliminare il superfluo

Cominciamo col dire che siete voi ad andare in vacanza e non la vostra casa. Lasciate dunque a casa la vostra coperta di Linus, che sia il cuscino ergonomico, la macchina del caffè o quel tomo da 700 pagine che tenete da mesi sul comodino dicendo che prima o poi lo leggerete. Ecco, sicuramente non lo leggerete in vacanza! Un buon antidoto al “riempi valigia compulsivo” è quello di preparare una lista accurata e dettagliata degli oggetti e abbigliamento indispensabili per la vostra vacanza. Ponetevi un limite e cercate di rispettarlo. La prima regola è: tutto ciò che non sta in valigia è superfluo.

Organizzare il bagagliaio perfetto

Togliete dal bagagliaio tutti gli oggetti accumulati nei mesi e iniziate a sbizzarrirvi col tetris delle valigie. La regola base è ottimizzare la distribuzione dei pesi. Questo significa che le valigie più grandi devono essere disposte sul fondo del bagagliaio, in modo da avere il peso maggiore quanto più possibile vicino al baricentro della vostra auto. Il peso dovrà, inoltre, essere equamente distribuito sulla destra e sulla sinistra; per intenderci utilizzate logica ineccepibile di Furio “Anton Giulio vai al posto di Anton Luca e tu Anton Luca vai al posto di Anton Giulio che c’è un leggero squilibrio”. Ecco, magari senza esagerare!

Fissare il carico

Le valigie e gli oggetti devono essere posizionati in modo tale da garantirne la stabilità. Se posizionati non correttamente sono potenzialmente pericolosi: in caso di manovre brusche e improvvise potrebbero, infatti, impattare sul conducente e gli altri passeggeri.

Per lo stesso motivo evitate di lasciare oggetti sparsi sulla cappelliera. La cappelliera libera è necessaria anche per avere una migliore visione posteriore per il guidatore.

Non dimenticate la sicurezza

Mantenete sempre a portata di mano, in caso di necessità, il giubbotto catarifrangente e il triangolo di emergenza. Questo significa che, se durante l’anno li avete posizionati nel bagagliaio, cercate una sistemazione alternativa che non vi obblighi a scaricare tutte le valigie per recuperarli.

Un ultimo consiglio, indispensabile: se state per affrontare un viaggio lungo ricordatevi di fare delle pause, così come previsto dal Codice della Strada. Mare e montagna sono comunque lì che vi aspettano. Buone vacanze!

Mal d’auto, quali rimedi?

mal-dautoVi proponiamo un quiz: sapete cos’è la chinetosi? Vi diamo un aiutino: nausea, fastidio al livello superiore dell’addome, mal di testa. Ebbene sì: la chinetosi è il famigerato mal d’auto, un malessere che colpisce molte persone, in particolare i bambini.

Di cosa si tratta

La chinetosi (o cinetosi) è un termine generale che indentifica un disturbo di tipo neurologico cui alcuni individui sono soggetti, a seguito di movimenti ripetitivi o irregolari del corpo. La chinetosi si manifesta soprattutto quando si viaggia sui mezzi di trasporto; non solo quindi mal d’auto, ma anche treni, aerei, traghetti e perfino l’altalena.

La causa di questo malessere deriva da una contrastante interpretazione dei segnali provenienti dall’apparato vestibolare (orecchio interno) e visivo percettivo. I sintomi del mal d’auto sono principalmente vertigini, senso di nausea, mal di testa e vomito. Nella maggior parte dei casi il disturbo migliora una volta che il corpo si adatta alle condizioni che causano il problema; nondimeno alcune persone sono particolarmente soggette e non riscontrano tale miglioramento. I più colpiti sono i bambini tra i 2 e 12 anni, le donne in gravidanza e le persone soggette a emicrania.

Consigli utili

Molti sono i rimedi della nonna, dal prezzemolo dietro l’orecchio, al cospargersi lembi di pelle con l’aglio, ma poiché non hanno alcun fondamento scientifico e, probabilmente, risalgono a vecchi retaggi superstiziosi, ecco alcuni consigli utili per limitare il problema:

  • mantenete la corretta areazione dell’abitacolo della vettura; inutile sottolineare l’assoluto divieto di fumo in auto, non solo perché appesantisce l’aria e l’ambiente, ma anche per questioni di salute e sicurezza stradale;
  • cercate di ridurre il più possibile i movimenti della testa e del corpo, mantenendo una corretta postura sullo schienale ed eventualmente utilizzate un poggiatesta che possa aiutare a mantenere ferma la testa;
  • seguite con lo sguardo la strada per aiutare il cervello a coordinare le informazioni con la vista e limitate il più possibile lo sguardo periferico; se possibile utilizzate i posti anteriori;
  • cedete a un piacevole sonno ristoratore; è un buon rimedio per ingannare lo stomaco e l’apparato visivo percettivo;
  • ascoltate la vostra compilation preferita. La musica e il canto distraggono dal senso di nausea. Se non siete intonati nessun problema: alla peggio potreste causare il mal di testa ai vostri compagni di viaggio!

Manutenzione estiva dell’auto

manutenzione estivaOrmai ci siamo: le desiderate ferie estive sono alle porte. Avete deciso la meta, pensato a cosa mettere in valigia, verificato il budget a disposizione, scelto il mezzo di trasporto. Se avete deciso di partire in auto, una domanda è d’obbligo: avete pianificato la manutenzione estiva della vostra vettura?

La sicurezza sulle strade passa attraverso una costante e corretta manutenzione, tanto più quando si pianificano viaggi lunghi. L’estate è la stagione ideale per controllare lo stato della vostra vettura.

Quali verifiche eseguire? Vi proponiamo una lista dei controlli indispensabili per partire col bagagliaio carico, ma col cuor leggero.

Pneumatici

Controllare periodicamente l’usura delle vostre gomme è una buona prassi; diventa fondamentale in occasione di viaggi lunghi. Poiché gli pneumatici sono l’unico punto di contatto della vettura con il manto stradale, è necessario tenere sempre sotto controllo la pressione delle proprie gomme. Per conoscere il corretto livello di pressione fate riferimento al libretto del vostro veicolo. In alcuni casi questa informazione è presente sul montante della portiera del conducente. In caso di viaggi di lunga percorrenza, e con temperature atmosferiche alte, è consigliabile aumentare il livello di pressione di 0.3 bar, anche in considerazione del fatto che, partendo per le vacanze, il vostro bagagliaio sarà certamente più pesante.

Batteria

Per evitare di trovarvi con la batteria a terra proprio prima della partenza per le ferie, fate verificare lo stato di carica e usura dal vostro elettrauto. In media la durata di una batteria è di 5 anni; se la vostra batteria si avvicina a quest’età, valutate l’opportunità di cambiarla.

Impianto frenante

Prima di affrontare un viaggio lungo controllate il sistema frenante, in particolare verificate che le pastiglie non fischino e che i dischi non siano rigati.

Altri controlli

Non dimenticate di controllare: sospensioni, livello dell’olio e del liquido lavavetri, funzionamento degli indicatori visivi. Verificate che i filtri dell’aria siano puliti e igienizzati e che l’aria condizionata sia carica.

Un ultimo consiglio prima di partire, il più importante: guidate con prudenza e responsabilità, senza fretta. In fondo, come dice Terzani, il fine del viaggiare è il viaggiare stesso e non l’arrivare.

Pagina 1 di 1712345...10...Ultima »