Riduzione dell’inquinamento, in Olanda usano le strade di plastica

Quale punto d’inRiduzione dell’inquinamento in Olanda usano le strade di plasticacontro potrebbe avere l’ecologia con la costruzione di strade? Nessuno se pensiamo alle nostre strade ricoperte di asfalto. Ma se si utilizzasse un materiale diverso, magari riciclato? Nasce proprio da quest’ultima domanda l’idea della società olandese VolkerWessels che ha progettato le strade in plastica riciclata.

Di cosa si tratta:

Si chiama “PlasticRoad” il progetto presentato dalla VlokerWelles che mira a una maggior sostenibilità ecologica attraverso la costruzione di strade con un materiale riciclato notevolmente più resistente ed ecosostenibile. Una vera e propria rivoluzione che porterebbe a una sostanziale riduzione dell’inquinamento legato all’asfalto, la cui produzione è responsabile ogni anno dell’emissione di milioni di tonnellate di CO2 nel mondo (circa il 2% delle emissioni che si riferiscono al trasporto su strada, secondo i ricercatori dell’azienda olandese).

Vantaggi delle “PlasticRoad”:

  • Ecocompatibilità: Le strade di plastica, così come progettate dagli ideatori, saranno fondamentali per la riduzione dell’inquinamento; la produzione del materiale plastico riciclato prevede, infatti, un importante taglio nelle emissioni di CO2;
  • Maggior sicurezza: i moduli prefabbricati sono più resistenti e garantiscono maggior aderenza al manto stradale, in grado di sopportare situazioni termiche estreme, dai – 40° ai + 80° C;
  • Minor manutenzione: il materiale plastico riciclato è meno soggetto all’abrasione e garantisce minor deperimento rispetto all’azione degli agenti atmosferici, aumentandone la durata e la resistenza. Se mediamente il manto d’asfalto va rifatto ogni 12 anni, la PlasticRoad, secondo la stima dei ricercatori dell’azienda, avrà una durata triplicata;
  • Produzione ecosostenibile: i moduli prefabbricati sono realizzati in fabbrica e trasportati con facilità sul luogo d’installazione. Questa soluzione comporterebbe, oltre a risparmio dei costi, anche una riduzione dei tempi di realizzazione delle pavimentazioni stradali, quindi: meno disagi per il traffico con un ulteriore riduzione di emissioni inquinanti.
  • Flessibilità: la struttura a moduli prefabbricati, oltre a permettere una posa più semplice e veloce, permette di posizionare al suo interno tubature e cavi elettrici e telefonici senza dover effettuare alcun tipo di scavo con conseguenti deviazioni e restrizioni di carreggiata.

Detta così sembra fantascienza; invece questa idea rivoluzionaria potrebbe diventare realtà e prendere vita: il progetto “PlasticRoad” sarà presto al vaglio del Consiglio Comunale di Rotterdam. Se l’amministrazione della città olandese dovesse dare il via libera, Rotterdam sarà la prima città del mondo ad avere strade e piste ciclabili fatte di plastica riciclata.

Non ci rimane che attendere!