Gomme invernali: quali caratteristiche devono avere?

PerGomme invernali chi se ne fosse dimenticato, ricordiamo che è obbligatorio montare sulle auto gli pneumatici invernali. Con l’arrivo delle basse temperature, infatti, l’aderenza delle gomme “estive” diminuisce, con conseguente rischio per l’incolumità dei passeggeri del veicolo. Le gomme invernali, al contrario, garantiscono maggior sicurezza e migliori prestazioni al veicolo in tutti quei casi in cui le condizioni climatiche rendono il manto stradale pericoloso. Vediamo insieme quali caratteristiche devono avere:

Omologazione

Tutte le gomme invernali devono essere omologate. L’omologazione è il riconoscimento ufficiale della conformità del prodotto secondo le direttive dettate dall’Autorità competente. Per capire se i vostri pneumatici sono in regola, dovete verificare che abbiano il marchio “E” seguito da un numero che identifica il Paese che ha rilasciato l’omologazione e da un numero di serie. Chi circola con pneumatici non omologati è passibile di sanzioni e del ritiro della carta di circolazione.

Caratteristiche tecniche

Rispetto alle gomme estive, gli pneumatici invernali (detti anche “termici”) sono prodotti con una mescola speciale, ricca di silice, che garantisce una buona aderenza alla strada anche a basse temperature (i vantaggi si iniziano a sentire a partire dai 7°C in giù). Queste gomme termiche hanno un battistrada dotato di lamelle e caratterizzato da particolari disegni. Durante la marcia l’intaglio del battistrada intrappola la neve negli incavi, producendo un effetto “palla di neve”: il contatto neve – neve infatti aumenta il grip tra la ruota e il manto stradale. Queste lamelle sono importanti anche nei casi in cui ci sia poca neve, poiché il rotolamento produce un movimento che aiuta le gomme a scaldarsi, mantenendo così elasticità e aderenza al terreno. Il particolare disegno del battistrada, fatto di incavi più larghi e profondi, permette inoltre un drenaggio ottimale dell’acqua durante le piogge abbondanti della stagione invernale.

Vien da sé che le prestazioni delle gomme invernali sono soggette al grado di usura del battistrada che non dovrebbe essere inferiore ai 3,5 – 4,5 millimetri di profondità. Alcune gomme hanno stampato simboli che permettono di verificarne lo stato, diversamente potete eseguire un controllo fai-da-te inserendo, in uno degli incavi di cui è dotato il battistrada, una moneta da 2 euro: se i tasselli non superano la parte dorata è giunto il momento del cambio gomme.

 

Indicazioni

La legge considera “invernali” tutti gli pneumatici che riportano la marcatura M+S (Mud+Snow). Gli pneumatici termici, oltre alla sigla M+S, riportano anche il simbolo del fioco di neve racchiuso nel profilo di una montagna con tre cime. La differenza tra i due prodotti è sostanzialmente nelle prestazioni: le gomme con il simbolo della neve hanno superato specifici test di omologazione che ne garantiscono migliori prestazioni su manti stradali innevati.

Con o senza simbolo ricordiamo che il Codice della Strada prevede una multa in caso di circolazione senza gomme invernali nei tratti stradali dove vige l’obbligo. La sanzione minima applicata è di 41 euro nei centri abitati e 84 euro fuori dai centri abitati.