Sorpassometro, attenzione ai sorpassi pericolosi

SorpassometroTempi duri per gli automobilisti indisciplinati che compiono sorpassi pericolosi: è arrivato il sorpassometro.

Di cosa si tratta?

Il sorpassometro è uno strumento di controllo elettronico, in uso già da parecchi mesi, che registra le infrazioni relative al divieto di sorpasso. Si tratta di un dispositivo che si compone di telecamere e sensori, posizionati direttamente nella sede stradale.

Il sorpassometro viene generalmente collocato nei tratti stradali a striscia continua, laddove è particolarmente pericoloso invadere la corsia di marcia opposta. Alcuni sorpassometri sono, altresì, posizionati  in prossimità delle corsie di emergenza dove, nonostante il divieto, gli automobilisti spesso tendono a “sconfinare”.

Come funziona?

Le telecamere sono direttamente collegate con i sensori installati sul manto stradale: le spire collocate nell’asfalto rilevano il passaggio del veicolo e “avvisano” la telecamera che fotografa, e registra, i 5 secondi precedenti e i 10 successivi all’infrazione, nonché la targa del veicolo. Il filmato è trasmesso automaticamente alla centrale di controllo dove viene vagliato, in modo da scartare i falsi positivi e gli episodi dubbi. Successivamente, viene rinviato alla sede del comando operativo provinciale di competenza, affinché venga redatto relativo verbale.

Codice della Strada

La manovra di sorpasso è disciplinata dall’art.148 del Codice della Strada, che stabilisce anche i casi in cui è fatto divieto sorpassare. Vale la pena ricordare che:

  • è vietato il sorpasso in prossimità o corrispondenza di curve o dossi e in ogni altro caso di scarsa visibilità, fatto salvo il caso in cui la strada sia a due carreggiate separate ovvero con almeno due corsie con lo stesso senso di marcia e con apposita segnaletica orizzontale;
  • è vietato il sorpasso di un veicolo che ne stia sorpassando un altro, nonché il sorpasso di veicoli fermi o in lento movimento in prossimità di passaggi a livello, semafori, strisce pedonali o per altri casi di congestione del traffico;
  • è vietato il sorpasso laddove segnalato il divieto con apposita segnaletica orizzontale.

Chiunque non osservi la normativa è soggetto a sanzione amministrativa, fino a 1.272 € e alla perdita fino a 10 punti sulla patente. In casi particolarmente gravi, disciplinati dal Codice, si può procedere con la sospensione della patente.