Fine delle vacanze, guidare con prudenza anche al ritorno

La fine delle vacaFine delle vacanze guidare con prudenza anche al ritornonze sta per arrivare anche per chi è partito nella seconda metà di agosto. Se la ricerca delle acque più cristalline o delle cime montuose più spettacolari vi ha spinto molto lontano da casa ecco alcuni consigli utili per continuare a viaggiare sicuri e rendere meno “doloroso” il vostro rientro dalle vacanze:

Controllate l’impianto frenante

Un controllo generale della macchina vi permetterà di evitare spiacevoli contrattempi. Innanzitutto verificate che tutti i componenti dell’impianto frenante siano a posto: dall’usura delle pastiglie dei freni a quella dei dischi. Come? “Ascoltate” la vostra auto: rumori strani come fischi  e vibrazioni in frenata sono indicatori fondamentali che devono mettervi in guardia.

Attenzione anche al liquido frenante: le condizioni  atmosferiche (temperature elevate) e della strada (asfalto rovente) potrebbero infatti comportare un surriscaldamento del fluido dei freni e  compromettere l’efficienza di tutto l’impianto frenante. La strumentazione di bordo della vostra auto è in grado di segnalare eventuali anomalie tramite spie di controllo. È comunque buona norma, prima di intraprendere un viaggio particolarmente lungo, effettuare un controllo visivo: il serbatoio è nella maggior parte dei casi posizionato a vista nel cofano motore e realizzato in materiale trasparente con  due simboli che indicano il livello massimo e quello minimo del liquido. Se il livello è tra i due indicatori è tutto nella norma, diversamente potrebbe essere necessario un rabbocco.

Controllate lo stato degli pneumatici

Da verificare, inoltre, lo stato dei pneumatici: pressione ed usura delle gomme sono fattori imprescindibili per viaggiare in sicurezza e vanni quindi tenuti sempre sotto controllo. A tal fine vi suggeriamo di misurare la pressione delle gomme a freddo, prima di partire. Affinché la misurazione sia efficace, infatti, i vostri pneumatici non devono aver viaggiato da almeno 2 ore; se non avete il tempo di lasciarli raffreddare, aggiungete almeno 0,3 bar alla pressione consigliata.

La pressione giusta è quella raccomandata dalla casa automobilistica, tenete quindi a portata di mano il manuale d’uso del vostro veicolo o, in alternativa, consultate l’adesivo solitamente posizionato sul montante della portiera del conducente.

Un’ultima raccomandazione: attenzione alla distanza di sicurezza durante la guida!