Cosa fare in caso d’ incidente

manutenzione estivaVi siete mai posti la domanda cosa fare in caso d’incidente?

Probabilmente molti di voi pensano “a me non capiterà mai, sono attento e concentrato alla guida”. Partiamo dal presupposto che quest’affermazione sia vera, non dovete dimenticare però che non siete soli sulla strada. Una piccola distrazione, una disattenzione magari causata dalla ricerca di un Pokèmon, sono spesso causa di incidenti anche di grave entità: non basta che voi siate attenti e concentrati, è necessario che lo siano tutti gli utenti della strada.

Come recita un vecchio motto “meglio prevenire che curare”, ecco quindi un utile vademecum di cosa fare in caso di incidente:

Mantenere la calma

Il primo consiglio è mantenere la calma e accertarsi che non ci siano feriti; in tal caso la normativa, ma soprattutto il buon senso, impone il soccorso. L’art. 189 del Codice della Strada obbliga, infatti, l’utente della strada “in caso di incidente comunque ricollegabile al suo comportamento, a fermarsi e prestare l’assistenza a coloro che, eventualmente, abbiano subito danno alla persona”. La mancata ottemperanza di quest’ obbligo comporta una sanzione.

Anche il Codice penale tratta quest’ argomento ed estende l’obbligo di soccorso non solo a chi è coinvolto a vario titolo nell’incidente, ma indistintamente a chiunque sia presente sul luogo dell’accadimento. Non è necessario avere una preparazione medica per chiamare i soccorsi e assolvere l’obbligo di prestare soccorso, anzi se non siete esperti astenetevi dal muovere o tentare di curare i feriti.

Compilazione CAI

Una volta appurato che non ci siano feriti il consiglio è di compilare sempre la Constatazione amichevole di incidente. Il modulo CAI opportunamente compilato permette di:

  • raccogliere velocemente e in maniera esaustiva i dati anagrafici e assicurativi della controparte;
  • facilitare la gestione del sinistro;
  • velocizzare l’iter del risarcimento del danno subito;
  • evitare eventuali future contestazioni sulla dinamica dell’incidente.

Verificate di avere sempre a bordo del vostro veicolo una copia del modulo CAI, non è necessario che il modulo sia quello della vostra attuale compagnia di assicurazione. Nel caso ne foste sprovvisti non esitate a richiederlo alla vostra assicurazione.

Forze dell’ordine

Potrebbe essere necessario contattare le forze dell’ordine. In caso d’incidenti di particolare gravità non spostate i mezzi coinvolti nel sinistro, ma mettete voi stessi e gli eventuali feriti in condizioni di sicurezza e chiamate immediatamente le forze dell’Ordine.

Assicurazione

Il peggio è passato, ora non vi rimane che mettervi in contatto con la vostra compagnia di assicurazione per denunciare l’accaduto. La raccolta dei dati attraverso la compilazione del modulo CAI permetterà alla vostra assicurazione di avere tutti gli elementi utili e necessari per aprire il sinistro.

A seconda della tipologia di incidente si possono attivare diverse procedure d’indennizzo.

In generale:

  • indennizzo diretto: viene applicato quando i veicoli coinvolti sono solo due a motore identificati, assicurati e immatricolati in Italia, nella Repubblica di San Marino o nello Stato del Vaticano. In caso di feriti si può ricorrere all’indennizzo diretto solo se i danni fisici riportati dal terzo danneggiato non superino il 9% d’invalidità permanente;
  • risarcimento ordinario: viene applicato quando non sussistono le condizioni per applicare l’indennizzo diretto, come per esempio il caso di tamponamento a catena.