Tutti i post nella categoria: Guida sicura

Donne al volante

Donne al volanteIn occasione della festa delle mamme vorremmo partire da un assunto: le donne sono multi tasking anche quando sono al volante. Cosa significa? Semplicemente che sono in grado di fare più cose contemporaneamente, spesso con disinvoltura. Riescono a conciliare casa, lavoro, famiglia, amici, sport e chi più ne ha più ne metta, con estrema naturalezza.

Diciamo che prendono alla lettera il vecchio adagio “chi ha tempo non aspetti tempo”. Ma c’è un però: spesso questo tempo lo recuperano e lo reinvestono quando sono in auto. Ecco il podio delle cattive abitudini in auto:

  • Utilizzo del telefono: sì, lo sappiamo, non è solo una prerogativa femminile. Ma mentre gli uomini si attestano su due/tre chat di media ed eventuali telefonate (tra cui lavoro e Fanta calcio), le donne gestiscono almeno 10 chat: quella della classe per ogni figlio, quella delle amiche, quella delle amiche più amiche, quella ufficiale del lavoro, quella ufficiosa del lavoro, quella degli hobby, quella “sportiva”, quella culturale… Insomma per ogni interesse corrispondono almeno un paio di chat e svariate telefonate. Avete presente quanti messaggi si possono ricevere e mandare mentre state guidando? La domanda vuole essere a trabocchetto e la risposta è zero: l’utilizzo dello cellulare alla guida è fonte di distrazione e potenzialmente molto pericoloso;
  • Trucco e “parrucco”: è vero che le donne non hanno il monopolio su quest’abitudine, ma francamente è più facile vedere una donna al volante che si sistema il trucco rispetto a un uomo che si rade. Va ricordato che lo specchietto retrovisore ha una funzione più etica che non lo specchietto per il trucco.
  • Vitto e alloggio: l’auto, come si suol dire, è come una seconda casa. Vi si trascorre molto tempo nell’arco della giornata, ma è pur sempre un mezzo di trasporto. Si chiacchiera, si mangia, si beve. Attenzione a non trasformarla in guardaroba, sala trucco, fast food.

Insomma le donne sono talmente abituate a fare tanto che, a volte, eccedono.

E gli eccessi spesso sono pericolosi. E’ fondamentale, quando si è alla guida della propria auto, mantenere la concentrazione e l’attenzione necessaria: mani sul volante e mente libera: care donne prendetevi una pausa e quando guidate, guidate e basta.

Detto questo promettiamo di stilare una classifica anche per l’altra metà della mela.

Concludiamo con un augurio speciale a tutte le mamme, direttamente con le parole di Fiorella Mannoia “siamo così, dolcemente complicate, sempre più emozionate, delicate, ma potrai trovarci ancora qui”.

Campagna vacanze sicure

Campagna vacanze sicuriE’ partita da pochi giorni la quattordicesima edizione di Vacanze sicure.

“Siamo già in clima vacanziero?” penserete voi. La risposta è: chi ha tempo non aspetti tempo, soprattutto quando si tratta di prevenzione e sicurezza stradale. “Vacanze sicure” è, infatti, una campagna di sicurezza stradale, nata in collaborazione con la polizia stradale e Assogomma, il cui fine è quello di sensibilizzare gli utenti della strada sul ruolo fondamentale degli pneumatici a garanzia della sicurezza stradale.

Di cosa si tratta

Fino al 5 giugno gli operatori della Polizia stradale saranno impegnati in controlli mirati sullo stato degli pneumatici dei veicoli in circolazione. Le regioni coinvolte in tale progetto sono: Emilia Romagna, Sicilia, Calabria, Trentino Alto Adige, Sardegna e Puglia, praticamente le principali mete turistiche del nostro bel stivale. Si stima che, nei territori interessati dall’iniziativa, saranno eseguite circa 10.000 verifiche che – sommate a quelle eseguite nelle edizioni precedenti – raggiungeranno un totale superiore ai 150.000 controlli.

Le infrazioni più comuni registrate negli ultimi anni riguardano principalmente l’impiego di pneumatici danneggiati, in particolare il fenomeno delle cosiddette gomme lisce, ma anche l’utilizzo di gomme non omologate e non rispondenti alla carta di circolazione.

Al termine dei controlli, i dati raccolti, verranno analizzati secondo l’ormai consolidato modello del Politecnico di Torino e i risultati saranno illustrati in occasione di una conferenza stampa.

Perché tanta attenzione agli pneumatici?

L’iniziativa “vacanze sicure” parte dalla consapevolezza dell’importanza delle gomme per la sicurezza stradale. Lo pneumatico, è bene ricordarlo, è l’unico punto di contatto tra il veicolo e il suolo; diventa quindi un elemento determinante per prevenire rischi e incidenti.

Una corretta manutenzione degli pneumatici rappresenta un atto di responsabilità per se stessi e per tutti gli utenti della strada. Ergo: anche se nelle prossime settimane non circolerete nelle regioni interessate al progetto, controllate l’usura delle vostre gomme.

E già che ci siamo…

Vi ricordiamo che, se non lo avete ancora fatto, avete tempo fino al 15 maggio per procedere alla sostituzione delle gomme invernali con quelle estive.

Attenzione al ghiaccio nero

ghiaccio neroL’ondata di maltempo sta colpendo tutta la nostra penisola: freddo, neve, raffiche di vento, piogge e ghiaccio nero.

Guidare con condizioni atmosferiche avverse è pericoloso e necessita, quindi, di particolare attenzione. Abbiamo già sottolineato l’importanza degli pneumatici invernali, indispensabili per una guida sicura anche con manti stradali bagnati e innevati. Ma i pericoli della strada sono numerosi e a volte invisibili: vi presentiamo il ghiaccio nero

Di cosa si tratta

E’ un sottile strato di ghiaccio, molto liscio e scivoloso, che si forma sulle strade. E’ chiamato ghiaccio nero (o gelicidio) perché tende a confondersi con l’asfalto, di qui la sua pericolosità: diventa, infatti, difficile identificarlo lungo il manto stradale.

Quando si forma

Il ghiaccio nero si forma quando goccioline di pioggia o di nebbia si ghiacciano non appena toccano il suolo congelato. Naturalmente questo fenomeno avviene a basse temperature, spesso sotto lo zero termico. Si forma solitamente di notte o durante le prime ore della mattina, quando le temperature sono minime.

Dove si forma

In generale il ghiaccio nero tende a formarsi nelle strade non esposte direttamente al sole e poco trafficate. Possiamo inoltre trovarlo su ponti, sottopassaggi, cavalcavia e gallerie.

Consigli utili

Abbiamo identificato il nostro nemico: il gelicidio è causa di molti incidenti stradali, proprio perché è difficile accorgersi della sua presenza insidiosa. Ecco qualche consiglio utile per affrontare il ghiaccio nero e aumentare la sicurezza stradale:

  • tenete i fari accesi anche nel pomeriggio. Per quanto invisibile il ghiaccio nero tende a formare lastre di ghiaccio lucide e lisce; la lucentezza del manto stradale si rivela un buon indicatore della sua presenza. I fari accesi anche nel pomeriggio possono, quindi, rivelarsi molto utili per individuare eventuali riflessi “sospetti”;
  • mantenete il parabrezza e i tergicristalli puliti ed eliminate qualunque oggetto dal cruscotto che possa ostacolare la visuale;
  • controllate costantemente le condizioni delle gomme. L’usura  è causa di incidenti anche in condizioni atmosferiche normali, con manto stradale ghiacciato il pericolo è assicurato. Se non lo avete ancora fatto, montate le gomme invernali;
  • in caso di condizioni atmosferiche critiche viaggiate lentamente e mantenete le distanze di sicurezza dal veicolo che vi precede

E, se nonostante tutte queste precauzioni, ti imbatti nel nemico invisibile:

  • mantenete la calma in modo da non avere reazioni repentine e incontrollate;
  • rallentante o inserite una marcia più bassa in modo da avere maggior controllo sulla traiettoria della vostra auto;
  • alzate il piede dall’acceleratore e mantenete ben salda la presa sul volante.

Il ghiaccio nero si forma, generalmente, su brevi tratti stradali, questo ti permetterà di riprendere il controllo del tuo veicolo.

Pagina 1 di 2112345...1020...Ultima »