Porsche 911, storia di un’auto senza tempo

Chi dice Porsche dice 911, perché la 911 è la Porsche per antonomasia.
Il tipico design della 911 è quello più riconoscibile e identificativo di questa celebre casa automobilistica, un’intuizione estetica che non tramonta mai.
Nata nel 1963 e entrata in produzione l’anno successivo, la Porsche 911 ha attraversato decenni di storia con numerosi modelli, compiendo i suoi primi 50 anni nel 2013.
Attualmente viene ancora prodotta, ma ha acquisito il suffisso “Carrera”, introdotto nel 1988 con la comparsa della 911 Carrera 4, con motore boxer da 3.6 litri da 250 CV, mentre nel 1990 la gamma composta dalle Carrera, Coupé, Cabriolet e Targa si amplia con il lancio della 964 Turbo con propulsore boxter da 3.3 litri.
Alla 964 faranno seguito prima la 993 e successivamente la 996, che aprirà una nuova era con il suo motore boxter da 300 CV raffreddato ad acqua e la distribuzione a 4 valvole per cilindro. Particolarità che non piacque agli affezionati, i fanali anteriori delle 996, detti a “uovo fritto”, schiacciati sulla carrozzeria e non rotondi e bombati come da regola aurea di casa Porsche. Proprio per venire incontro alle rimostranze, sulla 997, in produzione dal 2004, fanno la loro ricomparsa i classici fanali tondi, seppur meno marcati che in passato.