Pagare l’assicurazione a rate, si può

assicurazione a rate
Sono sempre di più gli italiani che ricorrono al pagamento dilazionato per far fronte alle ristrettezze imposte dalla crisi. A volte la rateizzazione è una buona soluzione se si ha assoluta necessità di un bene e non si dispone di liquidità immediata, ma è importante essere certi di poter far fronte al prelievo continuativo nei mesi e soprattutto verificare bene il tasso d’interesse applicato, in modo da non ritrovarsi a pagare il bene un prezzo eccessivo.

Negli ultimi tempi anche le Compagnie assicurative hanno iniziato a offrire ai propri clienti polizze auto con modalità di pagamento dilazionato in piccole rate mensili, proprio per venire incontro alle necessità di una fetta di popolazione che ha bisogno dell’automobile ma preferisce non pagare il premio assicurativo in un’unica soluzione.
Normalmente il pagamento non viene effettuato verso l’impresa assicuratrice, ma verso la finanziaria che gestisce la rateizzazione, che in alcuni casi prevede una carta di credito.

A volte il tasso d’interesse è pari a zero, altre no: è qui che devi farti due conti e assicurarti di disporre di una entrata fissa mensile sufficiente. E tieni a mente una semplice differenza che conta tantissimo: qualora dovessero proporti il pagamento con carta di credito, ricorda che esistono le normali carte che posticipano al mese successivo l’esborso, senza aggiunta di ulteriori interessi, e le carte di credito “revolving”, che applicano tassi d’interesse aggiuntivi e procedono al pagamento anche in caso di assenza di liquidità sul conto, con conseguente indebitamento. Così, giusto per saperlo.