Esclusioni e rivalse: cosa sono e come funzionano

esclusioni_e_rivalse

Esistono casi in cui la Compagnia assicurativa può rivalersi sul suo assicurato, escludendo alcuni rimborsi nella stipulazione della polizza per specifici casi.
E’ bene quindi conoscere i dettagli che regolano questo meccanismo.

In casi particolari, detti appunto “esclusioni”, dopo aver rimborsato i danni a tutti coloro che ne hanno diritto, l’assicurazione può rivalersi sull’assicurato, se crede che questo abbia agito contro la legge e se segnalato nelle condizioni di polizza, attraverso la rivalsa.

L’esempio più tipico è la guida in stato d’ebbrezza, ma anche un conducente non autorizzato, magari sprovvisto di patente, è un esempio calzante. Rientra nella rivalsa anche la mancata revisione dell’auto o comunque del mezzo di trasporto.

In casi come questi, dove è evidente una colpa grave da parte del conducente, in caso di incidente la Compagnia assicurativa può decidere di rivolgersi a chi ha causato il danno per richiedere un risarcimento.

Esistono polizze dove la Compagnia di assicurazione rinuncia espressamente a eventuali rivalse a seguito però di una maggiorazione del premio da corrispondere, quindi del prezzo dell’assicurazione. In ogni caso, per evitare problemi, tieni a mente che la cosa più importante rimane la prevenzione: ricordati di guidare con prudenza.