Classe di merito Bonus/Malus

bonus_malus

In Italia si fa tanto parlare di merito, in questo caso viene riconosciuto!
Il meccanismo delle classi di merito bonus malus altro non è che una classificazione degli assicurati in base al loro storico al volante.
Quando prendi la patente vieni inserito d’ufficio nella 14° classe e ogni anno passato senza causare incidenti ti fa migliorare di una classe. Con migliorare si intende passare dalla 14° alla 13°, dalla 13° alla 12° e così via, perché la classe dei migliori guidatori è la prima. La peggiore è la 18°, ma ti auguro di non finirci! Non tanto per il premio più alto –ovviamente a classi di merito peggiori corrispondono tariffe più alte e viceversa-, ma principalmente perché essere in 18° classe significa aver causato un po’ di incidenti e non ne giova né la tua auto né la tua autostima di guidatore. E poi, soprattutto, è pericoloso: cambia stile di guida, stai più attento! Oppure passa al mezzo di locomozione più diffuso al mondo: le gambe.
Ma un attimo. Per aspera ad astra, ci vuole un anno senza incidenti per migliorare di una classe; dalle stelle alle stalle, con un incidente con colpa peggiori di 2 classi. Lo trovi truce? No…è statistico. Serve a incentivare una guida responsabile e pari passo disincentivare comportamenti pericolosi alla guida. Funziona. Ne gioviamo tutti, fidati. Se poi causi più di un sinistro all’anno, oltre a doverti fare qualche domanda davanti allo specchio, ti tocca un trattamento esclusivo, ben descritto da una formuletta facile facile: x3-1, dove x è il numero di incidenti che hai causato. Il risultato equivale al numero di classi che perderai. Per capirci, hai causato 2 incidenti in un anno? In questo caso la x vale 2, quindi 2*3=6, -1=5. Complimenti! Hai appena perso 5 classi.
Capisci bene che ti conviene una guida prudente. E conviene a tutti, anche a chi non guida.
E parlando di convenienza… risparmia sul costo della tua polizza auto calcolando un preventivo online con Direct Line Assicurazioni. Mettici alla prova!