Assicurazioni auto italiane troppo alte? Ecco i motivi

prezzi_assicurazioneSappiamo tutti che i prezzi delle assicurazioni auto italiane sono tra i più alti d’Europa…Certo, anche le truffe sono molto diffuse.

L’Italia è certamente un Paese di creativi, tanto da farne un vanto e un marchio di fabbrica riconosciuto in tutto il mondo.
Ma l’ingegno per gli italiani è più di una prerogativa intellettuale o artistica, è anche e soprattutto una capacità di adattamento: di fronte ai problemi quotidiani l’italiano “s’ingegna”.

Una visione davvero diffusa quella del soggetto che esce dalla palude usando metodi innovativi e contando solo su se stesso. Non darsi per vinti, fare di necessità virtù, cercare una strada alternativa, trovare l’”inghippo”: ecco, la sequenza è semplificata, ma il crescendo verso forme potenzialmente illegali è chiaro.

Così nel Paese che ride del turista a cui è stata venduta la Fontana di Trevi, non tutti si schierano nettamente contro il truffatore. E parlando di assicurazioni, purtroppo va detto che l’Italia è un Paese con un numero di truffe così elevato da porci nelle prime posizioni delle classifiche europee: finti incidenti, falsi testimoni, registrazioni di dati personali fasulli e molto altro ancora.

Da questa situazione, unita al fatto che i sinistri con lesioni gravi vengono pagati più del doppio rispetto alla media europea, deriva un prezzo medio delle polizze tra i più alti d’Europa.
Insomma, come sempre ci vanno di mezzo le persone perbene.

Inoltre il numero delle frodi in ambito assicurativo è aumentato in maniera esponenziale negli ultimi anni anche a causa della crisi, dando luogo a un circolo vizioso.
Per questo ANIA, l’associazione nazionale delle imprese assicuratrici, ha intrapreso tutta una serie di azioni volte a contrastare questa escalation.

Così è stata stilata una lista nera di falsi testimoni, è stato spinto e incentivato l’utilizzo delle scatole nere a bordo delle auto, è stata rivista la normativa sui risarcimenti che ora devono essere preceduti da scrupolosi test medici e si sta potenziando il sistema investigativo, puntando molto sulle nuove tecnologie per rilevare assicurazioni false sulle auto in transito in prossimità di tutor e autovelox.
E in attesa di un cambiamento dei costumi, possiamo contare sull’ingegno italiano anche dal lato del controllore, nell’interesse di tutti i cittadini onesti.