Tutti i post nella categoria: Assicurazioni

Cambio residenza: cosa fare

cambio residenzaCambiare casa è fonte di stimoli, ma anche d’impegni burocratici non indifferenti. Il cambio residenza comporta, infatti, degli obblighi legali e prevede l’aggiornamento di tutta una serie di documenti, compresi quelli che riguardano i veicoli e la polizza assicurativa.

Per non perdersi nei meandri burocratici, vi proponiamo un’utile check list per il cambio di residenza:

Comune

Il primo passo è comunicare il cambio residenza agli uffici comunali. Per procedere alla modifica sarà necessario presentare:

  • un documento di identità/riconoscimento;
  • gli estremi della patente;
  • la targa dei veicoli di proprietà;
  • il modulo prestampato di richiesta cambio residenza, in distribuzione presso tutti gli sportelli comunali.

Motorizzazione Civile

Preso atto della modifica della residenza, il Comune trasmette l’informazione all’Ufficio Provinciale della Motorizzazione Civile che provvede a spedire, al nuovo indirizzo, un tagliando adesivo da incollare sulla carta di circolazione.

In attesa di ricevere il tagliando adesivo, ricordatevi di conservare una parte del modello precompilato in comune, in quanto funge da permesso provvisorio e ha valore di documento ufficiale, da esibire in caso di eventuali controlli e verifiche.

Pubblico Registro Automobilistico (PRA)

Sempre il Comune invia automaticamente la comunicazione del cambio residenza al Pubblico Registro Automobilistico. Il PRA procede con un aggiornamento d’ufficio del proprio archivio. Il certificato di proprietà cartaceo rimane valido, anche se riporta l’indirizzo di residenza non aggiornato. Nel caso in cui, tuttavia, si desideri aggiornare il nuovo indirizzo anche sul certificato di proprietà è possibile richiedere tale modifica al PRA.

Assicurazione

Una volta effettuato il cambio residenza, è necessario avvisare la propria assicurazione affinché provveda all’emissione di un’appendice di polizza che attesti la variazione di residenza. Tale variazione potrebbe comportare un costo, ovvero essere gratuita. Con Direct Line, per esempio, il cambio residenza in corso di polizza non comporta variazioni sul premio assicurativo. Verificate con la vostra assicurazione quale sia la procedura corretta per la modifica della residenza sui documenti assicurativi.

RC massimali minimi

RC Massimali minimiTempo di esami per gli studenti, quindi, per par condicio, ecco un piccolo quiz per mettere alla prova le vostre conoscenze in materia di assicurazioni. L’argomento sarà: RC massimali minimi. Siete pronti?

Partiamo da una domanda facile facile.

Che cos’è il massimale di polizza?

Il massimale di polizza è l’importo massimo del danno che l’impresa di assicurazione è tenuta a pagare in caso di sinistro di responsabilità civile al terzo danneggiato. Oltre questo importo, l’assicurato è tenuto a rispondere con il proprio patrimonio. Per tale motivo la scelta del massimale di polizza non va né sottovalutato, né piegato a opportunità di risparmio del premio assicurativo. “Chi più spende meno spende” recita un vecchio proverbio.

Che cosa sono i massimali minimi di legge?

In virtù del fatto che la responsabilità civile tutela i terzi danneggiati, il Codice delle Assicurazioni ha stabilito dei massimali minimi, vale a dire delle soglie minime sotto le quali non è possibile stipulare una polizza con garanzia di responsabilità civile. Tali soglie sono stabilite a livello nazionale e valide per tutte le imprese di assicurazione che operano su quel territorio.

I massimali minimi hanno lo scopo di offrire una tutela minima al terzo danneggiato.

L’importo del massimale minimo è fisso?

Non vale rispondere sì ovvero no. La domanda potrebbe trarre in inganno, quindi è necessario argomentare la risposta. L’importo dei massimali minimi è stabilito dalla normativa e deve essere uguale per tutte le compagnie di assicurazione italiane. Tale importo viene adeguato ogni 5 anni a far data dall’11 giugno 2012, secondo la variazione percentuale indicata dall’indice europeo dei prezzi al consumo.

In base a tale adeguamento, e al fine di tutelare maggiormente i terzi in caso di incidente, i nuovi massimali minimi di legge validi dal 12 giugno sono:

  • 6.070.000 euro per danni alle persone
  • 1.220.000 euro per danni alle cose.

Direct Line, da sempre in prima linea per la sicurezza stradale, ha provveduto all’aggiornamento dei massimali con importi più alti del minimo. Nello specifico:

  • 6.100.000 euro per danni alle persone
  • 1.250.000 euro per danni alle cose.

I clienti Direct Line potranno quindi usufruire di questo adeguamento della copertura senza alcun incremento di premio dovuto.

E voi che massimali di polizza avete?

Con Direct Line voli in Europa

Con Direct Line voli in EuropaLe vacanze si avvicinano e non avete ancora scelto una meta? Nessun problema, con Direct Line potrete volare in Europa.

La stagione tanto attesa è alle porte: odore di salamella e di salsedine, il cielo sempre più blu, le serate che si allungano e i tormentoni che impazzano sulle frequenze radio. Ci sono tutti gli ingredienti per dare il benvenuto all’#estate17; ne manca solo uno, forse il più importante: le tanto agognate vacanze.

Molti di voi avranno già pensato alle sospirate ferie, al viaggio tanto atteso e pianificato da settimane. Altri, invece, saranno ancora in preda all’indecisione: mare o montagna, vita agreste o gita culturale? Molti i dubbi e una certezza: se non avete ancora deciso dove andare, Direct Line vi dà una mano.

Con Direct Line voli in Europa

E’ partita il 1° giugno la nuova operazione a premi “Con Direct Line voli in Europa”, promossa da Direct Line, in collaborazione con Volagratis, leader europeo nel settore dei viaggi online.

Il concorso vuole premiare i nuovi clienti Direct Line, offrendo loro un volo gratis A/R per una meta europea. Per poter usufruire di questo premio, sarà sufficiente acquistare una nuova polizza Auto, con le garanzie Infortuni del Conducente e Tutela Giudiziaria entro il 21 settembre 2017, ovvero una polizza Casa e Famiglia entro il 31 luglio 2017.

Partecipare è semplice: una volta acquistata la polizza, Direct Line invierà un Codice di Registrazione valido per registrarsi al sito www.directline.volagratis.com. A registrazione avvenuta, i nuovi clienti Direct Line riceveranno via email un Codice di Prenotazione, che potranno utilizzare per prenotare un volo A/R gratis per una meta europea, tra tutti quelli disponibili.

Se è vero che la vostra auto non sarà la più veloce, la polizza Direct Line potrà farvi volareee!

Il regolamento completo del concorso è disponibile sul sito www.directline.it.

Fondo vittime della strada

Fondo vittime della stradaSapete cos’è il fondo vittime della strada? Per chi non fosse esperto in materia, ecco un utile vademecum su cosa sia e a cosa serva il fondo vittime della strada.

Cos’è

Il Fondo di Garanzia per le Vittime della strada è stato istituito con la legge n.990 del 1969 ed è operativo dal giugno del 1971. È un istituto finalizzato a garantire i principi di sicurezza e solidarietà sociale. Nella fattispecie il Fondo provvede al risarcimento dei danni provocati dalla circolazione di veicoli nei seguenti casi:

  • danni causati da veicoli non identificati. Il risarcimento è dovuto per danni alla persona e per danni alle cose (con franchigia di 500 euro), solo in caso di danni gravi alla persona;
  • danni causati da veicoli sprovvisti di copertura assicurativa. Il risarcimento è dovuto per danni alla persona e danni alle cose;
  • danni causati da veicoli assicurati con compagnie poste in liquidazione coatta;
  • danni causati da veicoli messi in circolazione contro la volontà del proprietario (per esempio incidenti con auto rubate). Il risarcimento è dovuto per danni alla persona e danni alle cose.

Il Fondo è amministrato dalla Consap, sotto la vigilanza del Ministero dello Sviluppo Economico. La liquidazione dei danni è effettuata a cura delle Imprese Designate dall’Ivass con provvedimento valido per un triennio.

A cosa serve

Il Fondo ha natura risarcitoria e, di fatto, si sostituisce nel risarcimento al soggetto responsabile del danno. In soldoni il Fondo di garanzia Vittime della Strada interviene a favore dei terzi danneggiati.

Il suo ruolo di “tutela sociale” è oggi ancor più importante perché il numero dei veicoli non assicurati che circolano sul territorio italiano è in continuo aumento. Secondo uno studio pubblicato da “Il Sole 24 Ore” il 5 maggio – che si basa sui dati diffusi dal Ministero dei Trasporti – sono circa 5 milioni i veicoli non coperti da RC Auto (12% del parco circolante veicoli su strada). Un numero davvero alto che deve far riflettere.

Ricordiamo che la Responsabilità Civile è una copertura assicurativa obbligatoria, così come previsto dalla legge 990 del 1969, a tutela dei terzi. Circolare senza assicurazione significa esporre gli utenti delle strade a rischi, spesso ahinoi, molto gravi. Tutti noi corriamo seri rischi con 5 milioni di auto non assicurate. Meditate gente …. meditate.

 

Pagina 1 di 1812345...10...Ultima »