Direct Line ti premia con Premium Online

Direct Line ti premia con Premium OnlineLa serata degli Oscar quest’anno verrà certamente ricordata per il mistero della busta. Peccato, perché i film in nomination avrebbero meritato una vetrina migliore, con una maggior risonanza sulla qualità delle opere presentate e meno sul fuoriprogramma dell’errore nella consegna delle buste.

Se avete voglia di rivivere l’atmosfera magica del cinema, rivedere film che vi sono rimasti nel cuore, gustarvi le vostre serie preferite – senza fuori programma e senza interruzioni –  ci pensa Direct Line con l’operazione a premi “Direct Line ti premia con Premium Online” (e scusate il gioco di parole).

Partecipare e semplicissimo, basta acquistare entro il 31 maggio 2017 una Polizza Auto o una Polizza Moto con la garanzia Furto e incendio oppure una Polizza Casa e Famiglia con la garanzia Furto del contenuto. Una volta acquistato uno di questi prodotti, ma ovviamente potrete acquistarli anche tutti, riceverete via email un codice promozionale che vi aprirà le porte del grande cinema.

Avete capito bene: acquistando una polizza Direct Line con la garanzia Furto avrete 3 mesi di Premium Online con Cinema, Serie TV, Infinity, senza bisogno di sottoscrivere un abbonamento, semplicemente scaricando l’applicazione di Premium Online.

Premium Online offre il grande Cinema con oltre 2.500 film, dalle grandi prime TV in esclusiva agli evergreen, per soddisfare i gusti di tutti. Non solo: avrete a disposizione i grandi debutti e le nuove stagioni delle serie TV più amate. E non finisce qui: nel pacchetto è compreso anche Infinity, per un totale di 9000 titoli on demand sempre disponibili.

Tutto questo sarà a vostra disposizione, per tre mesi, in qualsiasi momento: come volete, quando volete, dove volete. Siete in treno o in coda alla posta e non sapete come “ammazzare il tempo”? Prendete il vostro device, collegatelo a internet e il gioco è fatto: godetevi il grande cinema e le vostre serie TV preferite. Avrete solo l’imbarazzo della scelta: spettacoli per tutti i gusti e per tutti i generi.

…and the winner is: “Direct Line ti premia con Premium online”! Questa volta senza alcun fuoriprogramma!

Le strade che producono energia

DL_Post_Facebook_Blog_01 (1)Quando pensate alle strade cosa vi viene in mente? Immaginiamo una veloce carrellata: traffico, inquinamento, stress. Vi offriamo l’opportunità di cambiare punto di vista, presentandovi le strade che producono energia.

Di cosa si tratta

L’idea è geniale: sostituire l’asfalto delle strade con dei pannelli fotovoltaici, per catturare la luce e riutilizzarla come fonte di energia pulita.

Sogno o realtà?

Vi sembra una chimera? E invece no, le strade che producono energia sono già una piccola realtà, per ora circoscritta, ma potenzialmente rivoluzionaria.

In Francia è stato da poco inaugurato il primo tratto stradale fotovoltaico. Si trova lungo il percorso della statale RD5, in Normandia. Lunga circa un chilometro, la prima “strada solare” è lastricata con 2800 metri quadrati di pannelli solari, in grado di coprire il fabbisogno energetico di una cittadina di circa 5000 abitanti. Che dire? Una strada davvero speciale pensata per produrre energia pulita, ma ovviamente attenta alla sicurezza stradale. La tecnologia e i materiali utilizzati, infatti, forniscono un’elevata fruibilità grazie all’utilizzo di una struttura composta da una resina a base di silicio, in grado di garantire la medesima aderenza del classico manto stradale.

In Europa abbiamo altri esempi: come al solito l’Olanda è all’avanguardia in fatto di ecologia e risparmio energetico e nel 2014 ha inaugurato una pista ciclabile dotata di una speciale pavimentazione fotovoltaica, in grado di fornire energia fino a 9.000 kWh all’anno.

Seguendo l’esempio olandese, due coniugi americani hanno ideato un asfalto simile, contenente cellule fotovoltaiche, in grado di catturare l’energia solare e trasformarla in energia. Si tratta di moduli di pannelli solari con uno spesso strato di vetro temperato che protegge le celle sensibili all’irradiamento, ma con una resistenza tale da sopportare il peso e la circolazione dei veicoli. Il progetto è piaciuto tanto che, nel corso di quest’anno, si passerà dalla fase progettuale a quella sperimentale: le mattonelle solari verranno posizionato niente di meno che sulla Route 66.

Un motivo in più per citare la celebre strada, che negli anni ha ispirato scrittori e cantanti

Documento unico di circolazione e di proprietà

Documento unico

Nei prossimi mesi potremo dire addio al libretto di circolazione e al certificato di proprietà, entrambi i documenti confluiranno in un documento unico di circolazione e proprietà. In sostanza il vecchio certificato di proprietà scomparirà nella sua forma sia cartacea che digitale e verrà, di fatto, incluso nella carta di circolazione. Quest’ultima, infatti, rappresenta l’unico documento di circolazione valido a livello internazionale, il cui obbligo è regolato da una direttiva europea.

Di cosa si tratta

Questa novità, annunciata dal vice ministro dei Trasporti, prevede l’integrazione tra le competenze del Pubblico Registro Automobilistico (PRA) gestito dall’ACI e della Motorizzazione, che confluiranno in un’unica agenzia istituita presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Cosa cambia

L’integrazione delle competenze dei due enti consentirà una sensibile riduzione dei costi correlati alla gestione dei dati. La creazione di un’agenzia unica permetterà, inoltre, di ottimizzare ed efficientare il processo di archiviazione dei documenti, in un’ottica di semplificazione amministrativa nella gestione delle banche dati.

Non solo: l’unificazione del documento porrà fine a un’anomalia tutta italiana per cui, per poter circolare, è necessario avere sia la carta di circolazione emessa dalla Motorizzazione – così come previsto negli altri paesi -, ma anche l’iscrizione del veicolo al PRA, richiesta unicamente per la circolazione sul territorio italiano. Solo attraverso questa iscrizione, infatti, l’intestatario del veicolo diventa proprietario.

E per gli utenti?

Tradotta in soldoni questa novità comporterà un risparmio di 39 euro per l’automobilista, che avrà un unico documento al posto dei due attuali (certificato di proprietà e libretto di circolazione). Questo significa che per ogni pratica di immatricolazione o passaggio di proprietà il costo sarà ridotto dagli attuali 100 euro a 61 euro.

Pagina 1 di 7812345...102030...Ultima »